La Chick poo poo -Simone Chickenbone-


I siti inglesi non smettono mai di stupirmi: faccio sempre delle scoperte interessanti.
Forse non ve l'ho mai detto, ma io sono una "feticista" del rossetto: sono i miei oggetti del desiderio. Quanti,  tra voi, considerano le labbra scarlatte un'arma di seduzione?
Se vi piace sfoggiare rossetti rosso fuoco in perfetto stile Lolita vi svelo un piccolo trucco.

Ma ora veniamo alla recensione del lip glacé: il nome oltre ad essere spiritoso e bizzarro, incuriosisce, che credo sia un ottima tecnica di marketing, tra tanti prodotti ho scelto proprio questo attratta dal marchio singolare.
L'ideatrice del brand si chiama Jamie Tabor, vive in Kansas, USA, con il marito e due figlie, e nel 2000 sviluppa per la prima volta una crema per capelli di ottima qualità che le permette di farsi conoscere e di realizzare il suo sogno di diventare un'imprenditrice di successo.
La chick poo poo è una delle sue linee di punta: tre colorazioni differenti per tre stick labbra divertenti e colorati.
Io ho scelto la tinta Claudia Mauve-ia, un bronzo tendente al rosso con riflessi dorati.
Non contiene parabeni, non è testato sugli animali, non contiene carminio, un colorante naturale ricavato dal corpo essiccato della cocciniglia,  100% di derivazione vegetale.

INCI:
Avocado Oil, Beeswax, Zinc Oxide, Essential Oil of Sweet Orange, Vitamin E. May Contain: Mica, Titanium Dioxide, Iron Oxide.

Ecco il risultato: alla luce artificiale ( sulla mano ) e a quella naturale sulle labbra.


A me piace tantissimissimo: splendido il colore ( ultimamente avevo la fissa di tingere le labbra di rosa, era una vita che non usavo colori nude e bronzo ) anche se tende a sbavare ( attenzione a quando sorridete :D ). Buona la durata, texture idratante e vellutata, bella la pigmentazione. La profumazione non mi soddisfa, ha un sentore di arancia, ma dopotutto non è sgradevole ( anche se nemmeno piacevole ).
E ottimo il prezzo: 5,45 € per 2,6 gr su questo sito, con spese di spedizione gratuite.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriosite?
Un bacione

Etichette: , ,